Primavera: torna il sereno sulle nostre bollette?

di altrabolletta

31 marzo 2021

1382

Dopo il crollo record dello stesso periodo dell’anno scorso (-15% tra luce e gas nel secondo trimestre 2020), abbiamo visto tre trimestri consecutivi di aumenti, specie sull’energia elettrica, che hanno quasi azzerato i risparmi della scorsa primavera.

Nel primo trimestre 2021 la bolletta energetica della famiglia tipo sul mercato di tutela ha infatti recuperato il 14% rispetto alla primavera 2020, anche se ha mantenuto un leggero risparmio del 3% rispetto ai primi tre mesi del 2020, grazie soprattutto al calo del 5,5% dei prezzi del gas che ha più che compensato l’aumento del 2% della bolletta della luce.

Solitamente, nel secondo trimestre l’arrivo dei primi caldi contribuisce a raffreddare i prezzi energetici. Ma l’ultimo anno ci ha insegnato che nulla è scontato: anche nel 2021 si confermerà il solito trend oppure siamo destinati ad avere delle amare sorprese?

Anche questo trimestre i nostri analisti hanno elaborato i numeri, e siamo pronti a condividere con te le nostre previsioni dei prezzi di luce e gas in tutela per il secondo trimestre 2021 che saranno stabilite nelle prossime settimane dall’Autorità per l’Energia.

Iscriviti alla newsletter di altrabolletta per restare aggiornato sui prezzi di luce e gas nei servizi di tutela

Quale sarà il prezzo del gas da Aprile 2021?

Dopo i crolli nel periodo iniziale della pandemia, che circa un anno fa hanno visto addirittura i prezzi del petrolio diventare negativi, per tutte le materie prime energetiche c’è stata una sostenuta ripresa. Rispetto ai minimi di Aprile 2020, il prezzo del greggio ha praticamente quadruplicato il suo valore, passando da un minio di circa 16 dollari al barile a quotazioni che oggi sfiorano i 70 dollari.

Questa euforia sui mercati si è riflessa anche sulle quotazioni all’ingrosso del gas, con i prezzi che rispetto a un anno fa sono quasi raddoppiati. In particolare, dopo parecchi mesi con quotazioni sostanzialmente stabili la ripresa si è concentrata negli ultimi tre mesi, quando il prezzo del gas al TTF è passato da 12 a 18 €/MWh, anche per il progressivo svuotamento degli stoccaggi a causa di un inverno meno mite rispetto ai precedenti.

Il TTF è il mercato all’ingrosso del gas consegnato in Olanda che fa da riferimento per le quotazioni di tutta Europa, e anche in Italia l’ARERA fissa le tariffe del gas in tutela sulla base della media delle quotazioni del mercato TTF nel secondo mese precedente al periodo di fornitura. Perciò il prezzo del gas per il secondo trimestre 2021 è determinato dagli scambi avvenuti nel mese di Febbraio, ovvero nella parte evidenziata in verde nella figura qui sotto:

La media dei prezzi pubblicati dall’Intercontinental Commodities Exchange (ICE) ci porta quindi a calcolare un valore dell’indice PFOR pari a 17,7 cent€/Smc per il secondo trimestre del 2021. Nel trimestre che si sta per concludere, il valore dell’indice è stato fissato a 15,08 c€/Smc. In altre parole, il prezzo del gas del servizio di tutela è destinato ad aumentare di oltre 1,6 c€/Smc, ovvero una crescita del 17% rispetto al precedente trimestre.

Non ci aspettiamo invece particolari variazioni per le altre componenti tariffarie di trasporto e gestione del contatore, che dovrebbero rimanere in linea con i valori dell’attuale trimestre.

Tuttavia, considerando che in media i consumi di gas nel secondo trimestre pesano per meno di un decimo del totale annuo, l’impatto effettivo sulle tue tasche se sei ancora in tutela sarà di poco più di 1 € al mese.

Scopri quanto può convenire il mercato libero del gas rispettoal servizio di tutela!

Quale costo per la luce nel secondo trimestre 2021?

L’incremento dei prezzi del gas ha riflessi anche sul costo dell’energia elettrica, che in Italia è prodotta ancora in buona parte tramite centrali termoelettriche a gas. A questo si aggiunge un forte aumento dei costi dei certificati di emissione CO2, che da inizio anno stanno inanellando quasi quotidianamente nuovi record di prezzo sia a causa della speculazione che per effetto delle politiche ambientali sempre più restrittive da parte di tutti i Paesi €pei.

L’effetto è in parte mitigato dalla stagionalità, che solitamente durante la primavera vede crescere la produzione da fonte rinnovabile, soprattutto solare e idroelettrica a causa dell’aumento delle ore di luce e dello scioglimento delle nevi, quest’anno particolarmente abbondanti.

Sul mercato EEX, la borsa tedesca in cui avvengono la maggior parte degli scambi di energia elettrica all’ingrosso in €pa, il prezzo dell’energia con consegna nel secondo trimestre 2021 in questi giorni è di poco inferiore ai 58 €/MWh, come puoi vedere nel grafico qui sotto:

Questo prezzo è sostanzialmente in linea con quello che era scambiato tre mesi fa per il primo trimestre 2021, e sulla base del quale l’Autorità ha definito le tariffe che stai pagando ora se sei nel mercato di maggior tutela. Questo significa che, contrariamente al solito, da Aprile 2021 non ci attendiamo particolari cali del prezzo dell’energia elettrica. Anzi, prevediamo un leggero aumento dell’1,1% per il valore dell’indice PE, che passerà a circa 6,3 c€/kWh rispetto ai 6,25 c€/kWh del primo trimestre 2021.

Inoltre, sulla base delle tariffe pubblicate da Terna in questi giorni, anche i costi per il servizio di dispacciamento sono destinati ad aumentare di circa il 14%, contribuendo a far crescere la bolletta complessiva di un ulteriore 0,9%. Purtroppo, questo aumento non sarà indifferente neppure per chi è passato al mercato libero scegliendo una tariffa a prezzo fisso: infatti questi costi rappresentano una voce cosiddetta passante per i fornitori, che nella quasi totalità dei casi ribaltano pari pari ai propri clienti.

In soldoni, questo significa una bolletta media più cara di quasi 10 € all’anno per la famiglia tipo.

Trova la miglior offerta di energia elettrica per risparmiare subito sulla tariffa di tutela!

Quanto pagheremo per gas e luce da Aprile 2021

Aggiornamento del 31 marzo 2021 alle 8:44

Riepilogando, abbiamo previsto tra energia elettrica e gas naturale un complessivo aumento del 3,2% della spesa della famiglia tipo, che avrebbe pagato circa 50 € in più all’anno per luce e gas.

Commodity Previsione altrabolletta.it Consuntivo ARERA Scostamento
Energia elettrica + 1,4% + 3,8% - 2,4%
Gas naturale + 4,2% + 3,9% + 0,3%

Purtroppo, abbiamo azzeccato quasi perfettamente la previsione del gas ma siamo stati troppo ottimisti per l’energia, che invece del modesto calo dell’1,4% che ci attendevamo è invece aumentata del 3,8%, ben più del doppio rispetto alle nostre previsioni.

Il nostro errore è stato dovuto a due fattori: da un lato, ci attendevamo una stabilizzazione dei prezzi all’ingrosso che invece sono ulteriormente aumentati rispetto a metà marzo quando abbiamo fatto le nostre stime, dall’altro i costi per il dispacciamento sono stati fissati forse in maniera eccessivamente prudenziale da parte dell’ARERA. La materia prima ha chiuso le contrattazioni per il secondo trimestre in ulteriore rialzo del 2% rispetto a metà marzo, che ha pesato per 1,5 punti percentuali sul nostro errore. I costi di dispacciamento invece sono stati stabiliti a un livello di circa 0,1 centesimi in più di quanto preventivato, a causa di un aumento previsto dall’Autorità dei costi di sbilanciamento che andrà a pesare per quasi 3 € sulla bolletta annua del cliente tipo, e che ha portato un altro 0,7% di errore nella nostra stima.

Sul gas il minor aumento effettivo è dovuto ai minori costi di trasporto, che hanno pesato sul nostro errore per lo 0,2% per la quota di trasporto internazionale, diminuita di quasi il 7% rispetto al primo trimestre 2021, e della quota nazionale, in calo di 2 punti percentuali e che ha pesato per un altro 0,1% sul nostro errore.

Tuttavia, considerando la stagionalità dei consumi del gas probabilmente la famiglia tipo vedrà un aumento più contenuto delle proprie bollette da Aprile 2021. Questo perché l’aumento dei prezzi del gas sarà praticamente annullato dai bassi consumi dovuti alla fine della stagione del riscaldamento, e quindi l’unica variazione veramente significativa sarà legata ai maggiori costi per l’energia elettrica.

Ricordi che all’inizio dell’articolo ti abbiamo detto che usando il nostro comparatore avresti potuto risparmiare in quest’anno oltre 70 € sulle tue bollette di luce e gas? Se le nostre previsioni fossero state corrette, in realtà il risparmio sarebbe stato ancora maggiore. Con la migliore offerta che avresti scelto un anno fa con il nostro aiuto, avresti pagato oltre 110 € in meno sulle tue bollette, con un risparmio del 7% rispetto alle tariffe di tutela stabilite dall’Autorità per l’Energia.

Il fatto che abbiamo sottostimato l’incremento complessivo porta questo vantaggio a essere ancora più elevato: in questi dodici mesi ti saresti trovato con 120 € in più in tasca, allo sforzo di pochi click. Quindi, perchè aspettare ancora per risparmiare usando il nostro servizio di comparazione gratuito?